Home»Castellina Vita in Famiglia»Una serata in ricordo di Amata

Una serata in ricordo di Amata

0
Shares
Pinterest Google+

Prato 13 aprile 2010 – Il gruppo Arcobaleno, composto da coppie desiderose di compiere un cammino cristiano di fede e fraternità si è riunito a Prato da Antonio ed Elisabetta Di Simone per una serata in ricordo di Amata Cerretelli. Per l’occasione è stata invitata Mirella Stefani che per vari anni ha vissuto vicino ad Amata e Mirella ha raccontato la sua vita prima dell’incontro di Amata, negli anni in cui è vissuta vicino ad Amata e soprattutto gli anni dopo la morte di Amata fino ad oggi. Credo che colpisce di Mirella il racconto del passato ma soprattutto la sua vita attuale dopo aver vissuto con Amata. Questo dovrebbe essere uno stimolo per tutti non solo per ricordare il passato, se pur bello e intenso, quanto raccogliere qualcosa per l’oggi e impostare una vita conforme al Vangelo. Di Amata colpiva soprattutto l’umiltà, il contatto continuo con Dio mediante la preghiera e l’amabilità che sapeva mostrare con coloro che incontrava sul suo cammino

Insomma a detta di tutti è stata una serata veramente intensa, commovente, che ha fatto scaturire in tutti i presenti la volontà di raccogliere questa eredità e impegnarsi nell’oggi.

Previous post

Processione a Galciana per il Venerdì Santo

Next post

La Gazzetta dedica un articolo ai sacerdoti ciclisti

4 Comments

  1. Luca
    14 Aprile 2010 at 11:11

    Credo che occasioni come quella descritta nell’articolo siano veramente “perle” di vita e quindi da diffondere per rinvigorire il fervore che anima tutti nel seguimento delle orme di Amata.

  2. chiara
    16 Aprile 2010 at 15:32

    Mirella grazie davvero della bellissima serata che ci hai fatto trascorrere ci hai fatto rivivere a tutti noi i momenti più importanti della vita di Amata e ricordo quando seduta su una carrozzina lo raccontava anche mia nonna Rosanna e si ricordava anche lei tutto nei minimi dettagli e anke per lei la figura di Amata significava molto e l’ha aiutata nei momenti più difficili della sua vita e lo diceva anke a noi nipoti.grazie per tutto famiglia Cammilli amata prega per tutti noi la tua famiglia carmelitana

  3. Elisabetta
    16 Aprile 2010 at 19:38

    La serata trascorsa è stata veramente bella.
    Le parole di Mirella erano piene d’amore e il sentirla parlare così intensamente dei momenti vissuti con Amata ci ha riempito di gioia e ci ha fatto capire l’importanza di avere vicino a noi un’anima cosi’ bella e pura che da lassù ci guarda e ci guida.

  4. luigi e barbara
    17 Aprile 2010 at 15:25

    è stata una esperienza davvero edificante: Mirella non solo ha dato a ciascuno di noi la gioia di conoscere un pò di più la grande figura di Amata e il suo immenso amore per Gesù e per la preghiera, ma ci ha dato anche una lezione di vita e di fede. Sia noi come coppie di sposi sia i nostri giovani ci ha spronati a pregare quotidianamenteb perchè è proprio la preghiera che ci fa innamorare veramente di Dio e ci aiuta a vivere secondo la sua volontà. ci ha anche detto che non bisogna, come cristiani essere del mondo, ma vivere nel mondo riflettendo agli altri la luce e l’amore di Gesù. Abbiamo visto in Mirella la vera laica impegnata nel portare agli altri lo spirito del Carmelo, Del nostro Caro Padre e di Amata. Grazie Signore di averci donato questo momento intenso di preghiera e di condivisione

Leave a reply