Home»Castellina Vita in Famiglia»Festa delle casalinghe

Festa delle casalinghe

0
Condivisioni
WhatsApp Telegram

18 aprile 2010 – Si è da poco conclusa la festa delle casalinghe e ancora il nostro cuore è nella gioia per la bellissima giornata che il Signore ci ha concesso. Queste sorelle, per il prezioso servizio che svolgono in famiglia meritano un tale riconoscimento: sono preziose per la dedizione e il servizio.

La giornata si è svolta con la Celebrazione presieduta dal Padre e poi con il pranzo fraterno organizzato ovviamente dalle nostre sorelle.

Durante la celebrazione sono stati presentati dei “segni” che in qualcho modo richiamano la vita della casalinga (foto):

(luce): Presentiamo a te Signore questa luce, umile fiammella che arde e risplende. Riempi i nostri cuori della tua pace, della tua presenza e della tua grazia.

(chiavi): Ti presentiamo questi chiavi, aprono la porta della nostra casa. Ti chiediamo Signore che tu prenda dimora nelle nostre case, che tu sia veramente familiare per sorreggerci con la tua presenza fra di noi.

(pane e vino): Ti presentiamo il pane e il vino: umili segni del nostro vivere quotidiano e alimenti che arricchiscono le nostre tavole. Questi alimenti tu li hai fatti segno della tua presenza; abiti in mezzo a noi nelle specie eucaristiche. Aiutaci a ritrovare questi segni nella nostra vita di ogni giorno e a dar valore alle piccole cose

(grembiule): Ti presentiamo questo grembiule ricordandoci che tu stesso ti sei cinto di esso e hai lavato i piedi ai tuoi discepoli. Aiutaci a riscoprire la nostra vita come servizio tutte le volte che anche noi lo indosseremo nel nostro lavoro in casa a servizio della famiglia.

(mani vuote): Veniamo a te a mani vuote. Talvolta ci rendiamo conto che il nostro vivere è come queste mani: vuoto. Riempilo della tua presenza perché solo così trasformeremo il nostro impegno in cammino di santità come tu ci chiedi ogni giorno.

(messaggio del Padre e piccolo dono): Ti presentiamo questi messaggi del Padre che consegneremo ad ogni partecipante a questo incontro. È la parola di colui che ci sta guidando in questo cammino; entra nelle nostre famiglie e ci indica continuamente la via verso la santità: onestà, sincerità e rispetto. Il piccolo dono è la nostra adesione, il nostro “sì” a lasciarsi plasmare, come la creta, da Lui.

Al termine della celebrazione è stata letta la preghiera della casalinga che potete scaricare in questo allegato.

Rendiamo grazie a Dio per la giornata e per il servizio prezioso svolto da queste sorelle

[dm]6[/dm]

Previous post

Mp3 sul Venerabile Angelo Paoli

Next post

Lettera del P. Generale sul B. Angelo Paoli

1 Comment

  1. Luca
    19 Aprile 2010 at 12:03

    Credo che affermare ciò mi attirerà le ire di molte “donne emancipate”, ma ritengo che la casalinga per scelta sia la donna che ha veramente scelto la propria libertà in funzione del bene suo della sua famiglia e della società.
    Casalinga vuol dire un lavoro sommerso che occupa 24/24 ore e 365/365 gg., retribuzione: la soddisfazione di sentirsi realizzata nel vedere il buon andamento della propria famiglia in ogni occasione. Grazie sorelle!

Leave a reply